Vai al contenuto

Archivio:

economia e umanità

A proposito di “complottismi”…

Chiunque oggi affermi “i complotti non esistono” è in malafede oppure vive nel magico mondo dei Puffi. Un articolo illuminante.

Messaggio quantistico dall’universo

Devo raccontare un’esperienza veramente straordinaria. Faccio affidamento sull’apertura mentale di chi legge perché le circostanze in cui mi son trovato hanno dell’incredibile. Poco fa, mi è capitato tra le mani questo volantino digitale… … immediatamente sono stato scosso da un impetuoso senso di vertigine. Come in uno stato di trance lucida, la mia mente è stata invasa da suoni […]

Il pesce rosso non si annoia

Sempre la solita storia da 50 anni a questa parte: spingere lo Stato (e quindi il controllo democratico) ai margini del sistema economico per lasciare campo libero al Mercato.

Cronache dalla Grecia: il mio breve viaggio tra le strade di un paese in bilico

Son stato qui per la prima volta all’inizio di settembre del 2004, le olimpiadi si erano appena concluse e tutto il paese era ancora euforico per la storica vittoria della squadra di calcio agli europei. La crisi in Grecia ancora non c’era, anzi, allora tutto sembrava promettere un futuro radioso che, per chi ha seguito […]

In realtà non cambia mai nulla

Eravamo a fine estate 1976 (per noi europei fine inverno): l’Argentina, era in preda al caos. La presidente Isabel Martínez Peron, fin dai primi momenti del suo mandato cominciato il 1° luglio 1974, tentò di fronteggiare una situazione di instabilità politica, economica e sociale per la quale non era preparata. L’atteggiamento dell’esecutivo si fece via […]

1.000€ l’anno.

1000€ l’anno. Vale così poco la dignità e la libertà delle persone? È l’elemosina, la briciola di pane che cade dalla tavola del padrone che per un po’ da l’illusione lisergica del “dai, forse qualcuno lassù ci ama!”. 1000€. 80€ al mese.

Fatevene una ragione: si tratta di progettualità, semplice progettualità.

Escludendo il prodotto di menti deviate in maniera conclamata, è da persone ragionevoli discutere nel merito di questa o quella “progettualità collettiva a lungo termine” mentre è del tutto ingenuo o manipolatorio il comportamento di chi etichetta queste “progettualità” come “complotti”, con l’accezione denigratoria che solitamente accompagna questo termine.